Rivenditori

High-tech per la Classe B | EN/LTF B

MENTOR 6 - Estendi i tuoi orizzonti

La categoria MENTOR è da anni sinonimo di massime prestazioni nella Classe B. Il MENTOR 6 continua questa tradizione, implementando i punti di forza dei suoi predecessori con innovazioni che portano ancora più prestazioni. Espandi i tuoi orizzonti con il nuovo maestro della sua classe.

Valori interiori. Una migliore planata accelerata, un bordo di uscita liscio, nuove bretelle, tessuto leggero ma resistente, cuciture 3D per ottimizzare l’aerodinamica e una manovrabilità intuitiva con una minore pressione dei freni rendono il MENTOR 6 così speciale. Abbiamo deciso di non metterci limiti alle nostre ambizioni e abbiamo creato molte nuove soluzioni nella Classe EN-B.
MENTOR 6: Un intermedio sportivo per il cross country e per divertirsi volando, che ti aiuterà a raggiungere i tuoi obiettivi più velocemente, specialmente nel volo accelerato.

La richiesta al MENTOR. Con la stessa sicurezza passiva e lo stesso allungamento del MENTOR 5, le prestazioni d’efficienza e la manovrabilità sono state ulteriormente migliorate. Siamo stati in grado di ottimizzare entrambe le caratteristiche grazie all'uso di elementi innovativi come lo Zig-Zag 3D-Shaping, l'innovativo Mini-Rib Vector tape, diramazioni double-B e nuove bretelle. La maneggevolezza del MENTOR 6 è molto intuitiva, ha una la pressione dei freni piacevolmente leggera ed in termica è sia un maestro che una vela che si auto centra la termica. Il lavoro di progettazione di questa vela ha curato i minimi dettagli ma ha continuato a tenere d'occhio il quadro generale: una curvatura rielaborata e un bordo d’uscita pulito in frenata danno al MENTOR 6 lo smalto finale.

Dettagli intelligenti. Spesso sono i piccoli cambiamenti che hanno un grande impatto sulla soddisfazione che abbiamo di un parapendio. Il MENTOR 6 utilizza cuciture interne a mini centine e un tessuto migliorato per rendere la vela meno sensibile alle strusciature sul terreno. Un altro vantaggio sono le carrucole Ronstan con cuscinetti a sfera sull'acceleratore, che riducono le forze di azionamento durante l’azionamento dell’acceleratore. Inoltre la trasmissione differenziata della bretella A3 assicura uno svergolamento dell’ala ottimizzato per il volo accelerato che rende l’ala più stabile.

Rivenditori

In flight

In breve

Zig-Zag 3D-Shaping. Oltre alle doppie cuciture 3D, ora c'è un'altra cucitura diagonale 3D su ogni cassone. Questa forma uno zig zag accentuato. Il vantaggio di questa forma è che la direzione della cucitura non è nella direzione dell’allungamento o nella direzione di trazione. La cucitura è quindi più pulita e scorrevole dal punto di vista aerodinamico. Questa innovazione riduce le pieghe sul bordo d’attacco.

Mini-Rib Vector Tape. Le mini centine aumentano il numero di cassoni nella zona dell'ala posteriore e forniscono quindi un bordo d'uscita aerodinamicamente più favorevole. Il MENTOR 6 ha una fascia trasversale passante per un foro in tutte le mini-ribs. Questo riduce la piega che si presenta durante la frenata. Ciò chiaramente favorisce sia le prestazioni di salita in termica che la maneggevolezza. Inoltre, viene utilizzato un sistema di arricciatura sul bordo d’ uscita. Grazie a queste caratteristiche, il MENTOR 6 ha un bordo di uscita piacevole e pulito anche in frenata.

Double-B splits. Simili alle diramazioni a doppia A delle vele a 2-linee le diramazioni a doppia B del MENTOR consentono una migliore distribuzione del carico sull'ala. Ciò fornisce più stabilità e meno pieghe tra ogni livello di cordini.

Nuove bretelle. Le bretelle del MENTOR 6 sono un ulteriore sviluppo delle bretelle Speedbrake e assicurano un accorciamento anche delle B quando in volo accelerato si tirano le C. Di conseguenza non si ha più la riduzione di prestazione causata dalla piega tra B e C tipica dei tre-linee. Il MENTOR 6 è disponibile solo con le bretelle nuove, non è necessario montare le bretelle Speedbrake. Le nuove bretelle sono pratiche e si adattano comodamente alla mano, sia al groundhandling che durante i preparativi in decollo.

Maniglie freno ergonomiche. Abbiamo sviluppato nuove maniglie freni che vengono utilizzate per la prima volta sul MENTOR 6. Sono molto ergonomiche e comode da impugnare.

Features

Requisiti per il pilota

 MENTOR 6 è un parapendio con prestazioni impressionanti, che allo stesso tempo, nelle mani di un pilota abile, ha dimostrato una maneggevolezza chiara e un comportamento in volo estremamente gestibile. Tuttavia, volare con il MENTOR 6 richiede una certa abilità. Sebbene sia certificato con EN-B, il MENTOR 6 non è adatto ai principianti e solo in misura limitata per chi vola poco. Tuttavia, coloro che hanno l'ambizione di portare le loro abilità di volo ad un nuovo livello troveranno il partner giusto proprio nel MENTOR 6. Soprattutto i piloti di cross, che amano volare accelerati per un lungo tragitto, saranno entusiasti dell'aumento delle prestazioni.

Hai domande sulla vela giusta per te o vuoi testare il MENTOR 6? In entrambi i casi, il tuo rivenditore NOVA è la persona giusta da contattare.

The MENTOR experience

Tecnologie

Dati tecnici

  Dimension XXS Light XS S M L
Numer cassoni   59
Apertura alare proiettata m 8,5 8,9 9,4 9,8 10,2
Superficie proiettata 18,2 20,2 22,2 24,2 26,2
Allungamento proiettato   3,9
Apertura alare reale m 10,8 11,4 11,9 12,4 13,0
Superficie reale 21,5 23,8 26,2 28,5 30,9
Allungamento reale   5,43
Diametro cordini mm 0,7 / 0,8 / 1,0 / 1,2 / 1,3
Lungezza cordini m 6,4 6,7 7,1 7,4 7,7
Lunghezza totale m 235 248 260 271 282
Profondità massima del profilo m 2,46 2,59 2,71 2,83 2,95
Profondità minima profilo m 0,44 0,47 0,49 0,51 0,53
Peso kg 3,45 4,8 5,05 5,3 5,55
Gamma di peso in volo kg 60-80 70-90 80-100 90-110 100-130
Certificazione (EN/TLF)   (B) (B) (B) (B) (B)

Materiali

Assistenza

Volume di consegna

Colori

Blue
Aqua
Green
Red

Customise your wing

Questo modello in 3D ti dà un’idea di come sarà la vela. Però, per favore, fai attenzione: i colori veri e proprio potranno variare da quelli nel modello in 3D. Per qualsiasi domanda ti chiediamo gentilmente di contattare il tuo NOVA Partner o mandare direttamente una mail al nostro ufficio vasb@abin.rh.

FAQ

La risposta dipende dalla tua preferenza personale: se preferisci tanta dinamica e agilità, devi volare la vela nella parte superiore della gamma di peso in volo. Se invece ti piace il volo tranquillo e ben ammortizzato sarai più contento se voli con un carico medio o nella gamma di peso inferiore. Naturalmente hanno influenza anche le condizioni di volo. Un carico superiore porta più stabilità in condizioni turbolenti e di vento forte, con un carico inferiore invece sei invincibile in termiche deboli. Come vedi, caricare in modo giusto la vela è una questione di preferenza personale e dipende dalle condizioni nelle quali voli. Il tuo distributore NOVA volentieri ti consiglia!

I freni sono parte rilevante per l’omologazione – cambiamenti possono ripercuotersi sulle caratteristiche di volo e su manovre estreme. Dato quest’aspetto, noi sconsigliamo fortemente di apportare cambiamenti ai freni. È di grande importanza, che i freni abbiano abbastanza via “a vuoto”. Questo è importante per impedire, che la vela inizi a frenare da sola, quando si spinge la pedalina. Inoltre un freno troppo corto diminuisce l’efficienza e influisce manovre estreme, come chiusure, aperture di esse o situazioni di pre-stallo.

L’ efficienza dipende molto dalla resistenza aerodinamica del pilota stesso ed é direttamente correlata alla selletta usata e la sua posizione in volo. La differenza tra sellette e tra le diverse posizioni in volo può cambiare di un punto l’ efficienza. Noi stessi non diamo dati assoluti dell’efficienza, ma solamente ci confrontiamo con altre vele di referenza. Per questa ragione non pubblichiamo i dati relativi all’ efficienza.

Come tenere i comandi è una cosa di preferenza personale, che s’incide notevolmente sull’handling della vela e le sue caratteristiche. Noi di NOVA consigliamo mezzo avvolgimento: prendere il comando in mano e avvolgere il cordino intorno a metà mano, così che il cordino lascia la mano tra pollice e indice. Questo accorcia i freni di ben 30 centimetri, cosa che si riflette in modo positivo sul feedback: si sente direttamente la tensione del freno e, avendo le braccia più alte, si sentono meglio le reazioni della vela. Frenare senza avvolgimento è sconsigliabile pervia dell’ergonomia. Esclusi sono planate e altri momenti in volo, durante i quali un diretto handling non ha importanza. Attenzione: chi è abituato a volare senza avvolgimento, deve calcolare la via di frenata accorciata.

Semplicità é il nostro principio. Le nostre vele possono, ma non devono essere piegate con l’aiuto della sacca a ripiegamento veloce. Fondamentalmente tutte le nostre vele possono essere messe in una sacca, senza essere piegate. Importante è non piegare inutilmente forte le stecche, soprattutto non per un periodo più lungo. Inoltre consigliamo un accurato uso della vela.

Teli, cordini e tutti gli altri elementi di una vela sono sottoposti a prove intensive prima di essere usati in prodotti di serie. Testiamo i teli per quanto riguarda la loro longevità (porosità alta o diminuita resistenza a strappi causati da raggi UV o abrasioni) e la loro resistenza meccanica - come la distensione. Per assicurare la qualità facciamo controlli regolari durante la produzione.  

Con i primi voli i cordini sono sottoposti per la prima volta a dei carichi. Allungamento o restrizione ne sono la conseguenza, indipendentemente dal produttore del cordino o da com’è stato usato nella produzione della vela. Per pareggiare questo movimento dei cordini ti consigliamo di inviare la tua vela per un NTT dopo le prime dieci fino venti ore di volo. Dopo queste ore la lunghezza dei cordini, di regola, non si modifica più. Per usufruire alla meglio del NTT noi di NOVA consigliamo di portare la vela per un controllo dopo le prime dieci fino venti ore di volo.

All’ asciutto, non piegato troppo stretto e possibilmente senza grandi sbalzi di temperatura – queste sono le condizioni, nelle quali i nostri parapendii si sentono bene. Per favore non depositare un parapendio umido. Anche calore grande – come per esempio in macchina – dovrebbe essere evitato. Eventuali macchie non devono - in nessun caso - essere tolte con un detergente chimico e/o una spazzola.